Sei su: Itinerari » Medi » Itinerario 16 (L’APPENNINO E LE VERDI COLLINE DI GUALDO TADINO)

ITINERARIO 16


L’APPENNINO E LE VERDI COLLINE DI GUALDO TADINO
Gualdo Tadino, Voltole, Montemezzo, Casa Castalda, Gualdo Tadino

Scheda Tecnica

Partenza e arrivo: Gualdo Tadino
Distanza: 42 km
Dislivello: 700 metri
Difficoltà: medio
Fondo stradale: asfalto
Bici consigliata: strada
Da vedere in zona: Gualdo Tadino, Valsorda, Casa Castalda

L’itinerario parte da Gualdo Tadino, ai piedi dell’Appennino Umbro-Marchigiano, e si sviluppa sulle splendide e verdi colline tra Gualdo e Assisi. Visto il chilometraggio limitato lo abbiamo inserito tra gli itinerari medi, ma la presenza delle due salite di Voltole e Montemezzo richiede un certo allenamento e rapporti adeguati (in particolare le ultime rampe di Montemezzo sono piuttosto impegnative).

La partenza avviene dal ciclodromo Adolfo Leoni, situato alla periferia di Gualdo Tadino, da dove ci muoviamo seguendo Via Aurelio Saffi fino alla SS3 Flaminia, antica strada romana che entra in Umbria da Otricoli e attraversa la regione fino al valico di Scheggia.

All’incrocio con la Flaminia prendiamo a destra e subito dopo ancora a destra in direzione di Assisi sulla SP270 che ci conduce all’inizio della salita di Voltole che presenta la sua parte più difficile proprio nelle prime rampe.

Terminata l’ascesa (km 9) all’incrocio con la SS444 svoltiamo a sinistra in direzione di Assisi, superando Osteria di Morano e Madonnuccia di Morano (km 14) dove inizia l’arcigna salita di Montemezzo.
Il valico è posto al chilometro16 e la fatica è ripagata dalla magnifica vista che per diversi chilometri si può godere sulle valli circostanti. Dopo circa un chilometro di falsopiano, iniziamo a scendere verso Assisi fino al chilometro 19,5 quando svoltiamo a destra in direzione di Casa Castalda, iniziando un tratto vallonato in comune anche con l’itinerario n. 23.

All’incrocio per Collemincio teniamo la sinistra, mentre al chilometro 24,5 ci manteniamo sulla destra scendendo verso Casa Castalda. Terminata la ripida e tortuosa discesa, all’incrocio con la SS318 svoltiamo a destra in direzione di Gualdo continuando a scendere ancora per altri 3 chilometri (prestare attenzione perché questo tratto di strada è piuttosto trafficato).

Al termine della discesa seguiamo le indicazioni per Gualdo Tadino imboccando la SP245 che in poco meno di 10 chilometri ci ricondurrà alle porte della cittadina. Al chilometro 41, prima di rientrare a Gualdo, svoltiamo a destra seguendo le indicazioni per il ciclodromo e una stretta stradina secondaria ci riporterà al punto di partenza in meno di un chilometro.




Da non perdere

Gualdo Tadino è situato in uno splendido contesto naturalistico ai piedi dell’Appennino Umbro-Marchigiano, nell’ambito del quale merita una visita la zona di Valsorda.

In città spicca la Rocca Flea, esempio di architettura militare del XII secolo, ricostruita da Federico II nel 1247 e recentemente restaurata.

Tra gli edifici religiosi meritano una visita la cattedrale di San Benedetto (XIII secolo) con una splendida facciata romanico-gotica adornata da un bellissimo rosone, la chiesa di San Francesco e la chiesa di Santa Maria dei Raccomandati (XIII secolo).

Nei dintorni da visitare anche Fossato di Vico, Casacastalda e Valfabbrica, dove passa il “Sentiero francescano della pace Assisi-Gubbio”: il percorso (tra i boschi di Assisi e Valfabbrica lungo la valle del Chiascio), lungo circa 40 km, è un sentiero pensato e realizzato attorno agli elementi classici della natura: acqua, legno e pietra, predisposto per essere percorso solo a piedi, a cavallo ed in bicicletta.


Planimetria

Planimetria

Cartografia Iter Edizioni, Subiaco (Roma). Tel. 0774/84900


Altimetria

Altimetria

Valid XHTML/CSS / Desing & Code Bifoz.com

© Copyright 2008-2011 Bike in Umbria