Sei su: Itinerari » La Via di Francesco » Tappa 03 (DA GUBBIO A PERUGIA)

TAPPA 03


DA GUBBIO A PERUGIA
Gubbio, Abbazia di Vallingegno, Convento di San Pietro, Castello di Biscina, Valle del Chiascio, Valfabbrica, Ripa, Monteripido, Perugia

Scheda Tecnica

Partenza: Gubbio (Anfiteatro Romano)
Arrivo: Perugia
Distanza: 64,8 km
Dislivello: 1.100 metri
Difficoltà: difficile
Fondo stradale: asfalto
Bici consigliata: strada, ibrida
Da vedere in zona: Gubbio, Abbazia di Vallingegno, Convento di San Pietro, Castello di Biscina, Valle del Chiascio, Valfabbrica, Ripa, Monteripido, Perugia

La terza tappa del cammino segue per lunghi tratti il Sentiero Francescano della Pace e rappresenta sicuramente la frazione più impegnativa del viaggio in bicicletta lungo la via di Francesco.

Da Gubbio a Perugia in quasi 65 chilometri, affrontando la ripida salita che porta al Valico di Mengara (km 16,8) e l’ascesa che conduce fino al centro storico del capoluogo umbro per un totale di 1.100 metri di dislivello. La frazione richiede un ottimo livello di allenamento e la capacità di gestire bene le forze per non arrivare senza energie ai piedi dell’ultima salita, ma ripaga pienamente degli sforzi, sia per le belle vedute di cui si può godere lungo il viaggio sia per i numerosi luoghi di interesse che si toccano: lungo il cammino, infatti, incontriamo l’Abbazia di Vallingegno, il castello di Biscina, i resti dei castelli di Coccorano e Giomici, il borgo di Valfabbrica e poi quelli di Pianello, Ripa e Civitella d’Arna, prima di lasciare la valle del Chiascio e arrivare ai piedi di Perugia.

Vista la lunghezza e la difficoltà, in ogni caso, i meno allenati possono anche valutare l’ipotesi di dividere la frazione in due tappe, sostando a Valfabbrica e ripartendo il giorno successivo in direzione di Perugia.

Lasciata alle spalle la chiesa della “Vittorina”, dove si narra sia avvenuto l’incontro tra San Francesco e il lupo, ci allontaniamo da Gubbio seguendo le indicazioni per il Sentiero Francescano della Pace.

Al chilometro 4,2 lasciamo le indicazioni per il “Sentiero Francescano della Pace e giriamo a destra. 50 metri dopo giriamo a sinistra e ci immettiamo sulla SS298 dove è necessario prestare attenzione al traffico. Al chilometro 5,5 superiamo Ponte D’Assi e al chilometro 7, lasciando la strada statale, svoltiamo a sinistra e iniziamo la ripida salita che conduce verso Mengara.

La strada sale stretta tra i campi e nel primo tratto presenta pendenze superiori al 10% che metteranno a dura prova le gambe dei meno allenati. Al chilometro 8,9 termina la parte più ripida, mentre la salita si conclude al chilometro 10,8.

Al chilometro 13,8 superiamo l’Abbazia di Vallingegno e subito dopo affrontiamo ancora un chilometro di salita prima di iniziare la lunga e ripida discesa (prestare attenzione) che porta al Castello di Biscina e poi alla diga sul Chiascio.

La parte più impegnativa della tappa è ormai alle spalle e al chilometro 34,5 arriviamo a Valfabbrica, per poi proseguire nel fondovalle verso Perugia.

Superato Pianello affrontiamo la non difficile salita che conduce a Ripa e Civitella d’Arna (km 46,9) da dove iniziamo a scorgere il profilo di Perugia. Dopo una veloce discesa svoltiamo a sinistra per Ponte Valleceppi e, superato il Tevere (km 51,9), iniziamo a salire verso il centro per Via Eugubina: da qui in poi occorre prestare attenzione al traffico e, per raggiungere il Santuario di Monte Ripido prima e Piazza Morlacchi e Piazza IV Novembre poi, seguire le indicazioni per il centro e i numerosi sensi unici.




Da non perdere

Lungo il percorso si sfiorano numerosi luoghi di interesse francescano, come la chiesa di Caprignone e l’Abbazia di Vallingegno, risalente all’XI secolo e legata a vari episodi della vita di Francesco. Da vedere anche il Castello di Biscina e il castello di Giomici, che si incontrano poco prima di arrivare a Valfabbrica. Nel centro di Valfabbrica meritano una visita la chiesa di San Sebastiano, la chiesina della Madonna della Foce, la chiesa di Santa Maria Assunta e l’Abbazia Benedettina di Santa Maria Assunta.

Prima di giungere a Perugia non può mancare una visita al castello di Ripa, risalente al XIII secolo, e al borgo di Civitella d’Arna.

La tappa, infine, si conclude a Perugia, il capoluogo di regione e una delle più belle città d’arte d’Italia. Al centro della città è immancabile una visita a Piazza IV Novembre, dove si trova la Fontana Maggiore e si affaccia il Palazzo dei Priori, costruito sul finire del XII secolo. Al suo interno si trova la Galleria Nazionale dell’Umbria, dove è conservata la più importante collezione di dipinti umbri dal XIII al XIX secolo.

Notevoli l’Arco ed il Pozzo Etrusco, l’acquedotto romano nonché la Rocca Paolina, imponente fortezza fatta costruire dal Papa nel 1540. Tra gli edifici religiosi meritano una visita l’abbazia di San Pietro, la chiesa di San Domenico, il complesso di San Franceso al Prato, la chiesa di Sant’Ercolano, l’Oratorio di San Bernardino, la chiesa di San Severo, la chiesa di San Bevignate e il Tempio di Sant’Angelo che, edificato tra il V e il VI secolo, è una delle più antiche chiese di Perugia.

Tra i luoghi francescani, appena fuori dal centro storico, da visitare il bellissimo Convento di Monteripido situato su un colle di fronte a Porta Sant’Angelo.

Da vedere, fuori dalla città, anche l’Ipogeo dei Volumni, uno dei più significativi esempi di tomba etrusca di età ellenistica, che appartenne alla famiglia dei Velimna-Volumni.


Valid XHTML/CSS / Desing & Code Bifoz.com

© Copyright 2008-2011 Bike in Umbria